Home

                                                    PASQUA  2019
     Come ogni anno, nel corso della settimana che precede i riti pasquali,  le nostre Comunità si attivano per preparare i rametti di ulivo e di alloro da donare ai fedeli delle rispettive  parrocchie.
     Sia a  Sant’Anselmo ad Aosta che a Villeneuve  il giorno 14 Aprile  DOMENICA DELLE PALME adulti e bambini hanno portato a benedire questi rami  prima della processione per le vie del loro quartiere cittadino  e per le stradine del paese situato nella Valle centrale, partecipando in modo attivo a questa solennità che ricorda l’ingresso di Gesù a Gerusalemme.  
      Venerdì 19  Aprile si è svolta la VIA CRUCIS CITTADINA giunta quest’anno alla sua settima edizione. Come negli anni precedenti è stata organizzata dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali con il supporto dei parroci della città. Il percorso, iniziato all’Arco di Augusto alle h. 20,30 si è snodato lungo le vie del centro e i vari gruppi diocesani si sono succeduti nel portare la croce tra una stazione e l’altra. I numerosi fedeli presenti hanno potuto seguire e partecipare alla Via Crucis recitando i testi delle preghiere che sono stati inseriti in un libretto e che “Radio Proposta in Blu” ha trasmesso in diretta. -  Il nostro servizio come MASCI. l’abbiamo svolto in due modi: portando le fiaccole che precedono il cammino della Croce per illuminarne il percorso lungo le vie cittadine  e distribuendo alla folla i libretti delle preghiere e dei canti. -  La cerimonia religiosa si è conclusa in Cattedrale alle h. 22,30  dopo una breve omelia del  Vescovo di Aosta, Mons. Franco Lovignana, al termine della quale è stata recitata insieme la seguente preghiera  del Cardinale Carlo Maria Martini:
     “ La vicenda dolorosa di Gesù diventa scuola di vita. Anche noi dobbiamo percorrere la Via Crucis con Lui se vogliamo essere pienamente uomini e donne, se vogliamo la via e la salvezza. Signore, insegnaci la tua croce, nella tua croce a conoscere chi è Dio, insegnaci a conoscere chi è l’uomo, insegnaci a conoscere chi siamo noi.”

Comunità A. Nale